Sono stati pubblicati due avvisi relativi alla Dote Impresa del Piano LIFT 2015:

  • Incentivi ai datori di lavoro per l’assunzione di lavoratori con disabilità, l’adattamento del posto di lavoro, la consulenza e l’accompagnamento alle imprese.
  • Contributi per lo sviluppo della cooperazione sociale

bannerliftLa Dote Impresa “Incentivi ai datori di lavoro” del piano LIFT si caratterizza da diverse risorse e servizi utili a sostenere le imprese nelle attività di inserimento o mantenimento lavorativo delle persone con disabilità come descritte nell’art.1 della Legge 68/99. La Provincia di Monza e della Brianza, tenendo conto delle peculiarità riferite alle realtà produttive del territorio, ha regolato il dispositivo proposto da Regione Lombardia per sostenere le persone con disabilità in situazione di svantaggio lavorativo attraverso incentivi per l’assunzione, l’adattamento del posto di lavoro, la consulenza e l’accompagnamento alle imprese.
La Dote Iazia-avto-884364_640mpresa prevede tre tipologie di contributi: Incentivi per l’assunzione; Adattamento postazioni di lavoro; Consulenza e accompagnamento alle imprese. Possono accedere alla dote le imprese che avviano o hanno già avviato rapporti di lavoro subordinato o missioni di somministrazione della durata complessiva e continuativa non inferiore a 180 giorni in una sede operativa del territorio della Provincia di Monza e della Brianza. La DGR X/1106 del 20 dicembre 2013 e il Piano Provinciale LIFT 2014-16 definiscono l’entità del contributo secondo quattro fasce d’intensità, graduate in relazione alla necessità della persona.
L’assegnazione ad una delle 4 fasce avviene in base a criteri che riguardano la distanza dal mercato del lavoro, grado e tipologia di disabilità, età, titolo di studio e genere. Le quattro fasce prevedono tipologie di servizi che variano di intensità. Fascia 1 (punteggio da 20 a 49): servizi di orientamento o percorsi di accompagnamento minimi (intensità d’aiuto bassa); Fascia 2 (punteggio da 50 a 69): servizi dedicati (intensità di aiuto media); Fascia 3 (punteggio da 70 a 84): servizi intensivi e dedicati per un lungo periodo (intensità di aiuto alta); Fascia 4 (punteggio da 85 a 100): servizi di accompagnamento continuativi nell’arco della vita lavorativa (intensità d’aiuto molto alta).

group-work-454882_640La Dote Impresa per lo sviluppo della cooperazione sociale, è dedicata alle cooperative sociali di tipo B e prevede la realizzazione di interventi per l’incremento dell’occupazione attraverso progetti innovativi e sperimentali di sviluppo di contesti imprenditoriali quali la creazione di nuove cooperative sociali/rami di impresa sociale, finalizzati alla creazione di nuovi posti di lavoro riservati a persone con disabilità. È un fatto consolidato che le cooperative sociali di tipo B  ricoprano un ruolo indispensabile nell’occupazione lavorativa delle persone con disabilità, soprattutto di quelle che sono portatrici di maggiori difficoltà o fragilità sociali e personali. Le norme definite dalla legge 68/99 e da quelle correlate (art. 14 Dlgs 276/03), definiscono le cooperative sociali tipo B come il luogo di integrazione lavorativa prioritario per chi non riesce ad inserirsi nel mercato del lavoro ordinario. Al contempo, le cooperative vengono individuate come un contesto di transizione, dove i lavoratori possono acquisire, sviluppare e consolidare le proprie conoscenze, capacità e predisposizioni per far fronte alle richieste del mercato.

Questo il link delle pagine del sito della Provincia di Monza e della Brianza dedicate agli avvisi pubblicati:

www.provincia.mb.it/lavoro/lift/avvisi_pianodisabili.html