E’ stato da poco pubblicato il bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale” – Edizione 2017  (scaricabile a questo link), promosso dalla “Confederazione Generale dell’Agricoltura Italiana” e “Onlus Senior – L’Età della Saggezza” con il sostegno di Intesa San Paolo e in collaborazione con Fattorie Sociali e Università di Roma.

Il bando mira a “promuovere e valorizzare le iniziative delle aziende agricole e delle cooperative sociali che intendono realizzare progetti di Agricoltura Sociale, con particolare riferimento alla solidarietà tra le generazioni, all’assistenza sociale e socio-sanitaria dei gruppi sociali svantaggiati, alla tutela dei diritti civili e all’inclusione sociale di chi vive nelle zone rurali”.

Il bando prevede due sezioni e tre premi dell’importo di 40.000 euro ciascuno. Due premi saranno assegnati ai progetti di agricoltura sociale più meritevoli, sviluppati su tutto il territorio nazionale, nella sezione “Coltiviamo Agricoltura Sociale”. Un premio sarà invece assegnato al miglior progetto di agricoltura sociale della sezione dedicata esclusivamente alle zone terremotate (“Coltiviamo Agricoltura Sociale… per ricostruire”).

Focalizzando l’attenzione sulla sezione “Coltiviamo Agricoltura Sociale”, le proposte potranno far riferimento a una o due tipologie di beneficiari che riguardano giovani e minori in stato di disagio, persone con disabilità, anziani, immigrati che godano dello stato di rifugiati o richiedenti asilo.

I progetti dovranno riguardare uno o più ambiti specifici tra cui: l’inserimento socio-lavorativo di persone con disabilità o svantaggiate e di minori in età lavorativa inseriti in progetti di riabilitazione e sostegno sociale; le prestazioni e le attività sociali e di servizio per le comunità locali, che utilizzino le risorse materiali e immateriali dell’agricoltura, per sviluppare le abilità e le capacità delle persone e per favorire la loro inclusione sociale e lavorativa, di ricreazione e di servizi utili per la vita quotidiana.

Possono partecipare al bando: gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, in forma singola o associata; le cooperative sociali di cui all’articolo 2, comma 1, della legge 18 agosto 2015, n. 141 che esercitano attività agricole e che svolgono o hanno svolto attività di Agricoltura Sociale; le forme di associazione fra i soggetti di cui ai punti precedenti.

Le domande di partecipazione vanno presentate entro e non oltre le ore 24 del 15 ottobre 2017.

Per maggiori informazioni e per presentare le domande visitate il sito coltiviamoagricolturasociale.it.

Ricordiamo infine che la Provincia di Monza e Brianza sta già aderendo al progetto Agricoltura Sociale Lombardia per l’inclusione lavorativa di persone con disabilità. Per approfondimenti su progetto e attività fate visita al sito agricolturasocialelombardia.it